Rotterdam: esplorarla in un’invernale giornata nuvolosa!

Nei 4 giorni che abbiamo passato in Olanda, più precisamente ad Amsterdam, abbiamo deciso di andare a fare una visita fuori città: a Rotterdam. Completamente diversa da Amsterdam, molto più “grande città” e moderna.

Rotterdam è la seconda città dei Paesi Bassi ed è situata nella provincia dell’Olanda Meridionale. Il nome Rotterdam deriva da quello di una diga (dam) su un piccolo fiume, la Rotte, che si unisce alla Nieuwe Maas nel cuore della città.

 

L’itinerario che abbiamo scelto è stato questo:
Luchtsingel Bridge, Markthal, Case Cubiche, Oude Haven, Witte de Withstraat.

Sicuramente avremmo potuto vedere dell’altro ma come ho scritto nell’articolo di Amsterdam, il freddo ci ha fermato ma torneremo anche a Rotterdam, soprattutto perché vorrei visitare l’Euromast e, forse, fare la zip line! (La zip line, in italiano teleferica, consente di lanciarsi nel vuoto in tutta sicurezza. E’ composta da un punto di partenza, solitamente più in alto, e un punto di arrivo. Ci si lancia legati con una o più funi, carrucole e imbragature, che con l’aiuto della forza di gravità ti faranno provare il brivido del volo.)
I biglietti del bus da Amsterdam a Rotterdam, li abbiamo prenotati in anticipo sul sito di Flixbus: 20€, a/r per 2 persone con bagaglio annesso.

Ma torniamo al racconto della giornata vissuta a Rotterdam.

Il venerdì mattina ci siamo svegliati presto perché avevamo il Flixbus prenotato alle 09.05 dalla stazione di Amsterdam Sloterdijk che ci avrebbe portato direttamente a Rotterdam Central Station.

Un accorgimento se dovete prendere questo autobus: quando scendete dal treno (preso ad Amsterdam Centraal Station), uscite da Sloterdijk e prendete le scale che troverete alla vostra destra . Vi ritroverete in uno spiazzo pieno di macchine dove ci sarà anche una cabina per le informazioni ai turisti. Se guarderete ancora più a destra vedrete delle altre scale, percorretele e arriverete direttamente alla fermata dei bus. Per fare tutto questo noi ci abbiamo impiegato 10 minuti perché non c’era nessun tipo di segnaletica, nulla.

Arrivati alla stazione dei bus, abbiamo mostrato il nostro biglietto al conducente e senza troppi preamboli ci ha fatto salire e sistemare ai nostri posti. Durante il tragitto ho avuto la possibilità di vedere il paesaggio che mi circondava, al contrario di Simo che si è beatamente addormentato.

Poco dopo un’ora di bus siamo arrivati alla stazione centrale di Rotterdam e ci siamo diretti al Luchtsingel Bridge. E’ un ponte pedonale lungo 400 metri, molto caratteristico e particolare.
Dopo aver attraversato il Luchtsingel Bridge, abbiamo percorso un pezzo di città a piedi prima di arrivare al grande market coperto e ci siamo accorti della colossale differenza architettonica con Amsterdam: a Rotterdam ci sono un’immensità di edifici modernissimi dalle forme più strane e dalle altezze notevoli e pochi edifici tradizionali che invece sono molto più presenti nella capitale.

Un quarto d’ora di camminata dopo, eccoci arrivati nella piazza del Markthal. Il Markthal è un edificio adibito a uffici e ad appartamenti residenziali. Sotto di esso è presente un market coperto che abbiamo girato in lungo e in largo. E meno male che l’abbiamo fatto: ci siamo imbattuti in un bancone di donuts, tutti coloratissimi e dall’aspetto delizioso. Ne abbiamo comprati 3 che, successivamente abbiamo mangiato in giro. (Nota bene: in questo market accettano solo contanti).

Fuori dal Markthal, proprio di fronte, ci sono le case cubiche. Appena le ho viste sono rimasta affascinata da queste costruzioni. Sono troppo strane, particolari e uniche nel loro genere. Mi sono piaciute talmente tanto che sarei voluta restare lì a sbirciare ogni singola casa per vedere come fosse arredata e come fossero disposti gli arredamenti ma ovviamente non è stato possibile. Mi sono dovuta accontentare delle foto e di un video. XD Dopo aver camminato in lungo e in largo tra le case cubiche siamo sbucati a Oude Haven, un porticciolo con la vista su Rotterdam e su un ponte rosso.

Dato che iniziava a farsi sentire la fame (non avendo fatto colazione) abbiamo deciso di dirigerci verso Witte de Withstraat e cercare un posto per rifocillarci. Alla fine siamo finiti alla Mc! Evidentemente avevamo beccato proprio l’ora della pausa pranzo perché era stracolmo di gente ma per fortuna siamo riusciti a trovare due posti a sedere! Finito il pranzo abbiamo deciso di continuare a perlustrare la Witte de Withstraat, purtroppo, essendosi messo a piovere dopo poco, siamo stati costretti, nostro malgrado, a tornare in stazione. Anche se, mentre ci dirigevamo verso Rotterdam Central Station, il tempo si stava schiarendo non ci siamo fidati molto e abbiamo proseguito. Durante la camminata verso la stazione, abbiamo incontrato una carinissima zona verde con panchine e un laghetto con tante anatre.

Finalmente, prima che arrivasse il diluvio universale, siamo riusciti ad arrivare alla stazione centrale di Rotterdam dove abbiamo ingannato il tempo girando nell’edicola e facendo la spesa nel supermercato al suo interno. Verso le 18.45 ci siamo diretti alla fermata e via verso Amsterdam. Infine dopo un viaggio in treno e la classica passeggiata, siamo arrivati sul botel e svenuti nei nostri letti.

Conclusioni per questa veloce visitina? Rotterdam è assolutamente consigliata come gita fuori porta di un giorno così capirete anche cosa la differenzia da Amsterdam.

Se avete domande o curiosità scrivetemi qui o alla pagina fb Trip and Click!

Buon viaggio e buone foto!

Precedente La magia del Sol Levante dagli occhi di Simona Libretti Successivo 100 cose (almeno) da fare nella vita!