Cascate Piscina Irgas: belle ma…che fatica!

piscina irgas

Il 25 aprile, per passare una giornata diversa, siamo andati alla ricerca della Cascata di Piscina Irgas.

Quest’idea è nata da una proposta della mia amica Letizia, avvenuta qualche giorno prima del 25. Noi abbiamo accettato con entusiasmo ma non pensando che sarebbe stato così faticoso.

Innanzitutto bisogna specificare una cosa. Per raggiungere la Cascata di Piscina Irgas possiamo passare da due strade differenti: Villacidro e Domusnovas.

Passando da Villacidro si arriva in macchina fino alla località Cantina Ferraris, area Montimannu. Si lascia lì la macchina e si prosegue a piedi. Il tempo di percorrenza del percorso all’andata è di 1 ora e 45 minuti, mentre al ritorno di 45 minuti. Si percorre il sentiero 113 , segnato da segnavia bianchi e rossi.

Mentre se si passa da Domusnovas, la strada che abbiamo preso noi, bisogna entrare e attraversare tutto il paese e seguire le indicazioni che portano all’Agriturismo Perda Niedda. Raggiunto l’agriturismo, zona Sa Duchessa, dovete continuare tutto dritto per 5,7km. Appena dopo Perda Niedda la strada diventa bianca. Noi infatti, purtroppo, non siamo riusciti a fare tutti e 5 i km perchè la macchina non ce la faceva. Quindi dopo circa 600 metri abbiamo parcheggiato la macchina in uno spiazzo e abbiamo proseguito a piedi. Vi consiglio perciò di andare con un fuoristrada, in modo che la strada bianca non vi dia problemi successivamente. Terminati i 5,7km, arriverete in una zona ampia dove potrete parcheggiare l’auto e continuare a piedi. Da qui in poi, lungo il cammino troverete dei segnavia blu con una torre disegnata.

A questo punto si attraversano due ruscelli e si arriva direttamente ai piedi della montagna sulla quale inizia il trekking. Dopo qualche metro, vi troverete già a parecchi metri sopra il livello del mare. State molto attenti dove mettete i piedi perchè il suolo è scivoloso a causa della terra e delle pietroline, soprattutto nella prima parte del percorso.

Per arrivare alla Cascata di Piscina Irgas, da questa strada, ci sono due sentieri da poter seguire, entrambi segnalati oltre che dai segnavia, anche da ciottoli di pietre impilati: uno panoramico che si estende sulla sinistra e dura all’incirca 70-80 minuti. Mentre l’altro si estende sulla destra ed è più ripido. Dura 20-30 minuti e vi porta esattamente ai piedi della Cascata.

Entrambi i sentieri sono segnalati, come detto in precedenza. Il primo sentiero, più o meno a metà, si interseca con il sentiero 113 che parte da Villacidro. Infatti i segnali poi cambiano: da blu con la torre diventano due strisce rosse e bianche.

Noi abbiamo seguito entrambi i sentieri: quello panoramico all’andata (perchè non sapevamo dell’altro) ed è faticoso. Non aspettatevi una passeggiata perchè non lo è. Per quanto riguarda la strada, è più comodo rispetto all’altro perchè non è ripido ma è lungo e difficoltoso. L’altro sentiero, più recente, è un bel pò scosceso. E’ preferibile farlo al ritorno per due motivi: è più corto, la fatica dura quei 20 minuti e avete finito. Il secondo motivo è che farlo all’andata rischiate veramente di rompervi l’osso del collo per quanto è in pendenza.

A parte la fatica, vi posso dire che lo spettacolo che vedrete dall’alto e all’arrivo alla cascata è veramente spettacolare e vale tutta la fatica fatta.

Vi consiglio, comunque, di avere un minimo di forma fisica, delle buone scarpe da trekking e una bottiglia d’acqua fresca sempre piena.

Vi lascio qualche foto della giornata.

Se avete qualche domanda, non esitate a chiedere. Spero di avervi aiutato e dato almeno un’idea di cosa vi aspetta al trekking. 😛

Buon viaggio e buona luce!! 😄

Precedente Cagliari: compagnie aeree e voli diretti per la Sardegna Successivo Porto Pino "Is Arenas Biancas": un paradiso all'improvviso!

Un commento su “Cascate Piscina Irgas: belle ma…che fatica!

I commenti sono chiusi.